Le Unioni Civili come i matrimoni, sempre più vicini all’uguaglianza

I matrimoni tra persone dello stesso sesso, anche se a piccoli passi, stanno acquisendo sempre maggiori diritti.

La legge da troppo tempo disciplina in modo diverso le unioni civili – che riguardano solamente persone dello stesso sesso e che per tale motivo in Italia non possono sposarsi, ma desiderano regolamentare la loro unione con un vincolo sempre più simile a quello matrimoniale.

L’istituto dell’unione civile, così come il matrimonio, è fondato sulla Costituzione ma si tratta di un istituto diverso dal vincolo nuziale, non è equiparata al matrimonio civile negli aspetti formali e non prevede una cerimonia né adempimenti preliminari, ma tende a ricreare una regolamentazione analoga al matrimonio in relazione ai diritti e doveri che devono ispirare la vita di coppia. Per costituire un’unione civile la coppia semplicemente deve rendere una dichiarazione davanti all’ufficiale di stato civile del comune, alla presenza di due testimoni, e l’unione viene iscritta in un apposito registro.

Le unioni civili d’ora in poi avranno gli tessi congedi e permessi, incluse le due settimane retribuite per l’eventuale viaggio di nozze. Così le unioni civili entrano anche negli uffici pubblici, ed è scritto nero su bianco nella bozza del nuovo contratto degli statali presentato ieri dall’Aran ai sindacati.

Una novità prevista dal comma 20 della legge 76 del 2016 sulle unioni civili, ma che va ratificata nei nuovi contratti nazionali di lavoro e che ieri al tavolo tra governo e sindacati è stata confermata.

«È bello — dichiara Monica Cirinnà, senatrice pd e anima della legge sulle unioni civili —: passo dopo passo questo Paese continua ad applicare l’articolo 3 della Costituzione che dice che tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso. Un ragazzo tempo fa mi scrisse: “se esisto per lo Stato, esisto per tutti”; significa che tutti ti devono riconoscere, dalla famiglia al capoufficio, così diventa più semplice sentirsi liberi e fare coming out».

Il testo riguarda solo gli statali in senso stretto, ma è ovvio che su temi come questo  nella Pubblica Amministrazione centrale fa da «apripista» e detta le indicazioni che poi saranno estese agli altri comparti.

Zenzero & Cannella è da sempre sostenitrice dell’amore in ogni sua forma, perché l’amore è un sentimento che non conosce né sessi, né confini.

Affidarsi ad un Wedding Planner di matrimoni per coppie dello stesso sesso consente di avere una consulenza, oltre che sull’organizzazione impeccabile, anche sugli aspetti legali riguardanti le unioni civili che si celebrano in Italia o all’estero, pratiche burocratiche ed adempimenti amministrativi compresi.

Zenzero & Cannella vi assicura un’assistenza attenta alle vostre esigenze e preferenze e una serie di servizi ad hoc come wedding planning, confettata, allestimenti e partecipazioni, affinché il vostro matrimonio sia perfetto come l’avete sempre immaginato.
Organizza subito il matrimonio dei tuoi sogni con Zenzero & Cannella!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here